Home I nostri comunicati Altri comunicati Lettera aperta delle Associazioni di categoria
Altri comunicati

LETTERA APERTA DELLE
ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA ELBANE

         Al Presidente della Regione Toscana
e p.c. - Assessorato al Turismo
         - Assessorato Trasporti ed Infrastrutture

         Al Presidente Provincia di Livorno

        Al Presidente C.C.I.A.A. di Livorno

I più salienti fatti di attuale interesse per il sistema economico e turistico dell’Isola d’Elba ed Arcipelago Toscano, ed ancorché alcuni aspetti di carattere socio-politico che coinvolgono il territorio, sono stati oggetto di attenta disamina da parte delle scriventi associazioni di categoria, che in maniera condivisa esprimono al riguardo le seguenti considerazioni.
 
Ø       La recente notizia circa la previsione di tagli alle A.P.T. da parte della Regione Toscana è stata colta con comprensibile apprensione da parte delle Categorie Economiche, rappresentando di fatto tali Agenzie un importantissimo strumento per la promozione turistica territoriale, attività ancor più irrinunciabile per una realtà come quella dell’Arcipelago Toscano, la cui economia è basata pressoché unicamente sul turismo.
Nel recepire che tale scelta viene motivata dai tagli alla spesa pubblica previsti dalla Finanziaria del Governo – con conseguenti ridotti trasferimenti alle Regioni – e comprendendo come tutto ciò ricada sui servizi erogati, per quanto attiene la riduzione dei costi delle A.P.T. è vivamente auspicabile l’orientamento ad una loro ristrutturazione, piuttosto che a drastiche e pericolose manovre di soppressione di parte delle importanti funzioni dalle medesime svolte.
E’ infatti evidente che il paventato compito di solo front-office - servizio accoglienza ed informazioni turistiche - con un accentramento delle funzioni di marketing, promozione e sviluppo, pubblicità, progettualità, ecc. delegate direttamente ad un soggetto unico, risulterebbe del tutto insufficiente ed inadeguato alle esigenze dell’Arcipelago Toscano. Ciò, sia per l’effettiva distanza dal capoluogo regionale, che per le specificità del territorio insulare e della relativa offerta turistica, nettamente diversa dalle altre realtà toscane.
La stessa presenza del Parco Nazionale, dovuta ad un eco-sistema estremamente rilevante, che rappresenta un patrimonio ai fini dello sviluppo di un turismo ambientale di qualità, suggerirà sempre più politiche promozionali mirate, volte alla conoscenza del territorio ed allo studio delle bio-diversità.
      Nell’ottica di una declinazione dell’offerta in termini di specificità e di valorizzazione delle risorse naturalistiche, ambientali, mineralogiche, storiche, architettoniche, termali, ecc. che l’Elba ed il suo Arcipelago rappresentano, sempre più sarà necessario veicolare in maniera specializzata le varie azioni a supporto. Un brand unico ed irripetibile, che va ben oltre le ormai inflazionate barriere del turismo balneare, che può e deve saper proporre sui mercati globali un’offerta ricca e attraente: dalle attività sportive open air, al bio-watching, alle escursioni storico-architettoniche, all’enogastronomia, alla nautica da diporto e molto altro ancora.      
Tutto ciò premesso, e fatte salve le esigenze di risparmio della Regione - è auspicabile un intervento volto ad una riorganizzazione delle A.P.T., che da un lato consenta l’ottimizzazione di costi e servizi, e che dall’altro non debba far mancare una loro diretta operatività nelle realtà turistiche più significative in ambito regionale, quale quella dell’Arcipelago Toscano.
A tal proposito, non può essere ignorato l’importante contributo conferito dalla Provincia di Livorno e dalla Camera di Commercio, sempre più attive nel consolidamento di una collaborazione con le scriventi associazioni economiche e con le altre componenti pubbliche e private del territorio.
Va altresì rimarcato come la lunga esperienza ed il feed-back acquisito dall’Elba nel settore turistico possano costituire un’opportunità per tutta la costa provinciale, in un’ottica di integrazione e di sviluppo compatibile.
Le scriventi Associazioni di Categoria si dichiarano, pertanto, disponibili a considerare favorevolmente al riguardo ogni futura ipotesi tesa alla ricerca di una soluzione funzionale, atta a soddisfare le attuali esigenze del territorio e della sua economia.
 
Ø       Relativamente alla privatizzazione di Toremar si apprende che, per motivi strettamente burocratici, l’iter subirebbe un breve slittamento rispetto ai tempi previsti dalla Regione.
      La procedura di affidamento rimane comunque oggetto di un continuo e vivissimo interessamento da parte delle categorie economiche elbane, che individuano in tale operazione una basilare emergenza per la terza isola italiana e per le sorelle minori, in grado di condizionarne gli assetti futuri e di decretare le sorti dell’intero Arcipelago.
Non può, effettivamente, essere ignorato il fatto che i collegamenti rappresentano per le isole l’aspetto più vincolante, non potendo essere raggiunte che con traghetti ed aerei, unici mezzi in grado di assicurare il servizio sociale della continuità territoriale che, in quanto tale, deve essere fruibile anche in termini di costo.
      A tal riguardo viene rimarcata la richiesta già avanzata alla Regione nella passata legislatura, e successivamente ribadita all’assessore Ceccobao, di recepire nel bando di assegnazione le osservazioni già espresse dalle scriventi, oltre ad istituire un osservatorio permanente che veda presente anche una rappresentanza economica locale, al fine di monitorare continuamente lo svolgimento del servizio.
 
Ø       Quanto ai collegamenti aerei, pur apprendendo con sollievo dell’emanazione del bando per la continuità territoriale aerea, non è possibile non rilevare le criticità connesse alla tempistica e ai contenuti dello stesso, che potrebbero nuovamente indurre le compagnie aeree a non partecipare.
Si ribadisce fin d’ora che in detta malaugurata ipotesi ci si dovrà attivare subito, fin dal giorno successivo alla data di apertura delle buste, affinché lo stanziamento del governo non vada perso.
Qualora invece, si possa contare finalmente sul servizio aereo, ci si dovrà attivare immediatamente perché i benefici per la continuità territoriale non siano limitati ad un anno: il diritto alla continuità territoriale non è una tantum o a termine. Riteniamo doverosa una battaglia da parte di tutte le istituzioni perché agli abitanti dell’isola vengano garantiti gli stessi diritti garantiti da decenni agli abitanti della Sardegna, di Pantelleria o Lampedusa.
In merito alla struttura aeroportuale, si ricorda che gli interventi di quest’inverno sono da intendersi solo come buon inizio, al quale deve seguire tutta quella serie di interventi che rendano possibile, senza limitazioni, l’operatività di aerei di almeno 50 posti, secondo le indicazioni emerse in occasione del volo dimostrativo dell’ATR 72-500 del luglio 2009 e che sono da ritenersi finanziariamente e urbanisticamente attuabili in tempi brevi.
In merito al futuro dello scalo, non è possibile parlare in modo semplicistico di coinvolgimento del territorio senza uno studio approfondito dei bilanci della società che fino ad oggi ha gestito lo scalo e senza l’avvio di uno studio serio e approfondito di un plausibile piano industriale. In tal senso, viene auspicato il coinvolgimento della CCIAA di Livorno, che potrebbe farsi carico dell’acquisizione delle risorse da destinare all’elaborazione di un piano industriale credibile, oltre che a coordinare il successivo percorso di affidamento della gestione.
 
In un percorso di questo genere, basato su un progetto chiaro e soprattutto condiviso, si ritiene che il territorio possa essere disposto ad investire, come peraltro ha già dimostrato negli ultimi 5 anni, attraverso la Cooperativa Elbafly.
 
Nel rimanere in attesa di chiarimenti al riguardo e nel ribadire la più ampia disponibilità da parte delle scriventi ad approfondire e valutare le tematiche affrontate, è gradita l’occasione per porgere i più deferenti saluti.

- Confcommercio Elba
- Associazione Albergatori Elbani
- F.A.I.T.A. Campeggiatori
- Confesercenti del Tirreno
- C.N.A. Isola d’Elba

 
Banner