Home I nostri comunicati Altri comunicati Serve un rilancio per l'Aeroporto di Marina di Campo
Altri comunicati

Serve un rilancio per l’Aereoporto della Pila

Apprendendo dalla stampa il deficit di bilancio lamentato dalla Dirigenza di Ala Toscana Spa – la società regionale che gestisce in nostro aeroporto elbano – non possiamo che rammaricarci per un'ulteriore dimostrazione della difficoltà economica e della criticità dell’attuale momento.
Stiamo in effetti attraversando, a parere di insigni economisti, la peggiore crisi a livello mondiale dopo il crollo della Borsa di Wall Street del 1929.
Una crisi generata da speculazioni finanziarie, che si è ripercossa sull’economia reale attanagliando le nostre imprese e che, inevitabilmente, va a gravare sulle famiglie e sull’intera società.

E’ però altrettanto vero che, mai come nei momenti difficili, bisogna saper reagire. E’ finita l’epoca delle rendite di posizione. In ogni ambito produttivo servono nuove strategie, elaborate sulla base del cosiddetto feed-back, cioè quel processo analitico che consente di rilevare eventuali carenze ed apportare i necessari correttivi, al passo con i tempi.
Ricollegandoci all’aeroporto della Pila, riteniamo che esso possa rappresentare un importantissimo mezzo per incrementare i flussi turistici sulla nostra isola, se fatto funzionare a dovere.
Sorge pertanto spontanea la domanda, in merito alle perdite lamentate dalla società di gestione. Vi è perlomeno, a fronte di tale disavanzo, una ricaduta positiva sul territorio? Francamente, rimane difficile poter rispondere in maniera affermativa. La nostra impressione è che l’aeroporto possa e debba essere gestito in maniera più efficace, tale da poter rappresentare non solo un’ulteriore possibilità di trasferimento per i residenti - riuscendo a concretizzare la tanto declamata continuità territoriale – ma debba soprattutto costituire un essenziale strumento a sostegno della locale economia turistica.
Serve una gestione partecipata dalle imprese e dal mondo economico, in grado di offrire le risposte di cui detti soggetti necessitano.
A tal fine, riteniamo fortemente auspicabile il coinvolgimento di Elbafly nella conduzione della struttura aeroportuale, in quanto la cooperativa – che rappresenta il tessuto sociale ed economico del territorio - ha saputo maturare in questi anni un’adeguata competenza, tale da ritenere plausibile detta ipotesi.
Va rilevato altresì l’importante sostegno espresso dal Presidente della Camera di Commercio di Livorno, che evidentemente crede nelle potenzialità dell’aeroporto elbano e nell’importanza che esso riveste per il comparto produttivo locale.

Non possiamo quindi che apprezzare e condividere l’iniziativa del Comune di Campo, il cui assessore ai trasporti e turismo Lorenzo Baldetti ha chiesto un incontro a breve con la regione, per rivalutare la situazione aeroportuale in un’ottica di partecipazione e rilancio, proponendo appunto l’inserimento di Elbafly all’interno della gestione dello scalo aereo.
Servono nuove politiche di sviluppo e promozione, che possano attrarre significanti flussi turistici, sia a livello di collegamenti di linea che interagendo con il trascurato settore del movimento aereo privato.
E’ l’ora di mettere in campo tutte le nostre risorse, nella consapevolezza che le risposte alle esigenze del territorio devono essere doverosamente fornite in primis da chi vi risiede.
Vogliamo pertanto poter credere che la regione saprà recepire tale istanza, anche perché essa si inquadra perfettamente nell’ottica dell’interazione pubblico-privata, al fine di una ottimizzazione gestionale dei sistemi infrastrutturali.

Ultimo aggiornamento (Mercoledì 19 Gennaio 2011 15:00)

 
Banner