Lettera del Presidente a tutti gli Associati Confcommercio

Gentili soci,

La situazione di emergenza e distanziamento sociale è stata prorogata fin dopo Pasqua e certamente questa stagione turistica è ormai ampiamente compromessa, anche per gli strascichi che questa epidemia lascerà.

Molte strutture alberghiere preferiranno rimanere chiuse quest’anno, dove hanno molto personale, altre apriranno a regime ridotto, quelle più “elastiche” e a conduzione famigliare potranno probabilmente aprire a giugno e poi cercare di allungare la stagione, vedendo di recuperare nell’autunno almeno una parte del lavoro perso in questi primi mesi.

Naturalmente per fare questo dovranno essere messe in campo una serie di iniziative promozionali con la GAT, con la quale come associazione collaboreremo in stretta sinergia, e dovranno essere organizzati da settembre in poi eventi ed attività varie legate all’ambiente, allo sport, al benessere, alla cultura e a tutto ciò che il nostro territorio può offrire.

So perfettamente che non sarà facile, ma in questa situazione a livello mondiale non rimangono tante alternative, se non l’elaborazione di nuove strategie e il sapersi reinventare ! E devo dire che, purtroppo, il settore turistico rimarrà uno dei più penalizzati da questa tragedia immane di Covid19, perlomeno fino a quando non verrà scoperto il vaccino.

A questo punto, ritengo più che mai importante il lavoro svolto dalla nostra Confcommercio, che da subito si è attivata a tutti i livelli, da Roma fino a noi qui sull’Elba, per dare risposte concrete alle nostre imprese in termini di agevolazioni fiscali, sospensive mutui, proroga di scadenze varie, ammissione alla Cassa Integrazione in deroga (richiesta ed ottenuta dal nostro presidente nazionale Sangalli!) per il personale dipendente, ecc.

Però anche la nostra struttura elbana è una piccola azienda, con i suoi costi e con gli stipendi da pagare tutti i mesi !!! Purtroppo vi devo dire che attualmente siamo fuori con troppi crediti, a causa della morosità di molti soci, e fare fronte al pagamento delle spese diventa per noi insostenibile.

Pertanto anche l’associazione - che per inciso sta continuando a svolgere tutte le attività anche in questo difficile frangente - ricorrerà alla Cassa Integrazione per parte del personale, e gli uffici lavoreranno “in economia”. Questo sta a significare che, necessariamente e per correttezza nei confronti dei soci che hanno sempre pagato puntualmente i servizi, verrà data la priorità all’espletamento delle pratiche di quelle aziende puntuali, mentre per le altre, specie quelle esposte già troppo, non possiamo assicurare la puntualità del servizio.

Prego quindi voi tutti a valutare l’importanza del lavoro e del ruolo svolto dalla nostra associazione di categoria, che offre un supporto politico-sindacale sul territorio che gli studi privati di commercialisti e consulenti vari non danno di certo. Tanto per darvi un’idea, in questi giorni ci stiamo attivando per affrontare con ESA e le amministrazioni comunali il problema della TARI, che quest’anno dovrà essere completamente rivisto per forza di causa maggiore.

Quindi, vi invito caldamente a pagare con puntualità i servizi che ricevete in associazione, a rinnovare subito la quota associativa 2020 (per chi non lo avesse ancora fatto), ed un invito particolare ai soci morosi che si mettano in pari urgentemente !!!

Come presidente, devo considerare che non è giusto che per colpa di alcuni, debbano essere penalizzati tutti gli altri, ed è estremamente importante che la nostra struttura elbana continui a supportarci sul territorio, ancor più adesso.

Confido dunque sul vostro senso di responsabilità e sulla consapevolezza che solo le associazioni di categoria possono rappresentare sindacalmente e supportare le istanze delle nostre imprese, ma vanno sorrette e messe in condizioni di poter continuare ad operare !!!

 

Un cordiale saluto a tutti
LA PRESIDENTE